A.P.E. Onlus

ASSOCIAZIONE PER L’EDUCAZIONE GIOVANILE A.P.E. ONLUS 
Via P. della Francesca 1/2 - 40133 Bologna                          Tel: 051-6199256 - Fax: 051-6177443 - Email: info@apeonlus.net
Visita il nuovo sito internet www.apeonlus.net



Noi crediamo che l’educazione degli adolescenti sia una risorsa per trasformare in opportunità di crescita e di cambiamento le aree di criticità che caratterizzano questa età. L’ostacolo più grande riscontrato è la complessità della società contemporanea, che mette in discussione la costruzione dell’identità personale e culturale delle giovani generazioni. A.P.E. onlus promuove un intervento socio educativo, volto al superamento delle difficoltà tipiche dell’età adolescenziale, offrendo ai ragazzi e alle loro famiglie un servizio che svaria dal campo ludico, a quello educativo, a quello didattico. 

CHI SIAMO E COSA FACCIAMO

L’Associazione per l’educazione giovanile A.P.E. onlus è iscritta nell’elenco delle “Libere Forme Associative” del Comune di Bologna.

L’A.P.E. nasce nel contesto parrocchiale della Beata Vergine Immacolata e opera sul territorio del Quartiere Reno dal 1996, offrendo ai ragazzi delle scuole 'medie', e alle loro famiglie, un servizio educativo finalizzato al sostegno nello svolgimento dei compiti e ad a proposte di tipo ricreativo, in un clima sereno e collaborativo.
L’A.P.E. non è però soltanto un 'doposcuola', ma si pone come luogo di formazione, di corresponsabilità, di rispetto per l'altro, di relazioni significative, di offerta di opportunità di crescita umana e culturale, in una fase complessa come quella della preadolescenza, quale segno concreto e visibile dell’impegno cristiano nel supporto alle famiglie per l’educazione dei giovani. Un ruolo fondamentale è svolto pertanto dai sacerdoti, dagli educatori e dai volontari presenti. Si segnala la stretta collaborazione con la Scuola secondaria di primo grado 'G. Dozza', i Servizi Sociali Territoriali del Quartiere Reno del Comune di Bologna, la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Bologna, per cercare di migliorare sempre più nel Servizio offerto.
Gli adolescenti tra gli undici e i quattordici anni frequentanti il Doposcuola sono, ogni anno, circa 40.
L’A.P.E. ha individuato nella fascia giovanile compresa tra 11 e 14 anni lo specifico spazio di intervento socio - educativo perché si tratta di una fascia tra le più a rischio per la perdita di identità e di luoghi di aggregazione capaci di offrire non solo svago o attività ricreative, ma anche occasione di dialogo, di confronto e di crescita umana e sociale. L’intervento educativo si configura così nella costruzione di un ambiente sereno e motivante, ricco di opportunità formative e di relazioni educative improntate al rispetto, alla comprensione, alla condivisione, alla corresponsabilità.
Dal 2004, poi, il Doposcuola accoglie 12 minori segnalati dai Servizi sociali del Comune di Bologna per i loro ‘bisogni speciali’ in termini educativi, o economici, o sociali, acquisendo con loro una certa familiarità e accogliendoli in un contesto non isolato e ‘speciale’, ma di più ampio gruppo.

Nel doposcuola operano: una coordinatrice del gruppo di lavoro in possesso di laurea specialistica presso la Facoltà di Scienze della Formazione, con funzioni di responsabile degli educatori, dei rapporti con il Quartiere, con la Scuola e con funzione di tutor degli studenti universitari tirocinanti; educatori ed educatrici che formano il gruppo di lavoro; due sacerdoti volontari, di cui uno con funzione di direttore dell’attività educativa; una figura amministrativa; insegnanti volontari in pensione e volontari adulti che partecipano all’organizzazione generale.

GLI SPAZI

Lo spazio a disposizione dell’Associazione è vario e diversificato, secondo i diversi tipi di attività. Per gli interventi più specificatamente didattici vi sono le aule dove i ragazzi svolgono i compiti. Un’aula di maggiori dimensioni è utilizzata come biblioteca e sala multimediale, dotata di 10 postazioni Internet e di videoscrittura. Per lo svago vi sono spazi all’aperto (compreso un campo da basket dotato anche di porte per il calcetto, ed una palestra multifunzionale); in più, un ampio locale coperto provvisto di biliardini, videogames, attrezzatura per tennis da tavolo, giochi di società. Un ultimo locale è adibito a servizio mensa, i cui pasti sono forniti da una ditta di ristorazione.

GLI ORARI

L’attività del doposcuola si svolge ininterrottamente dall’inizio alla fine dell’anno scolastico, tutti i giorni dal lunedì al venerdì. L’articolazione oraria ‘tipo’ è la seguente:
  • ore 12.30 - 13.30 Apertura del doposcuola e accoglienza dei ragazzi 
  • ore 13.30 - 14.15 Mensa 
  • ore 14.15 - 15.00 Tempo libero e/o gioco organizzato 
  • ore 15.00 - 17.00 Svolgimento dei compiti 
  • ore 17.00 - 18.00 Svolgimento di attività programmate dall’equipe coi ragazzi 

OBIETTIVI E PRINCIPI

L’iniziativa del doposcuola nasce per rispondere all’emergenza educativa registrata in questi ultimi decenni, e si colloca nella tradizione educativa della Chiesa bolognese, da sempre attenta ai temi della prevenzione della devianza giovanile e dell’offerta di alternative educative capaci di accompagnare il cammino di crescita delle giovani generazioni.
I principi educativi che ispirano l’attività del doposcuola si ispirano all’esperienza storica di Don Bosco, e attingono agli aspetti di tipo teorico e metodologico dalla più recente pedagogia legata a Piero Bertolini, Don Milani e Paulo Freire, in particolare per le categorie di intenzionalità, entropatia, possibilità e relazione educativa, aperte al dialogo, all’emancipazione e alla presa di coscienza delle proprie potenzialità.
L’Associazione fornisce il proprio contributo offrendo ai ragazzi del quartiere spazi di socializzazione e attività, sia di tipo educativo e didattico, sia di tipo ludico.
Fortemente convinti dell’importanza dell’apprendimento scolastico come strada per favorire nei ragazzi una maggiore crescita umano-culturale, e psico - attitudinale, gli obiettivi educativi e gli obiettivi didattici sono aspetti di un medesimo intervento sul minore.
Impostando un rapporto interattivo con la scuola media Dozza, tramite incontri e colloqui, viene permesso al ragazzo sia di superare le difficoltà di inserimento nell’istituzione, sia di colmare le lacune conoscitive.
A fianco di questa finalità didattica, il lavoro svolto intende educare i ragazzi attraverso i vari ambiti nei quali la vita del doposcuola si svolge: mensa, luoghi per le attività ludiche, luoghi per le attività formative e didattiche, al fine di favorire nei minori ogni tipo di maturazione e responsabilizzazione, incamminandoli verso l’autonomia.

COME AIUTARCI

Leggi qui come sostenerci.
 
Per sostenere le attività dell’A.P.E. puoi donare il 5x1000 della tua dichiarazione dei redditi inserendo il codice fiscale dell’Associazione 01813201207, oppure puoi fare una donazione liberale detraibile o deducibile al c.c.b. Banca Popolare dell’Emilia Romagna IT67F0538702417000001232233