Comunità‎ > ‎

Vicario Parrocchiale

Don Jorge Esono Nguema 

 
 • Cappellano in BVI da novembre 2013


“BENVENUTO NUOVO CAPPELLANO”!!!!!

UN CAPPELLANO “ABBRONZATO” VENUTO DA LONTANO!!!

Senza dubbio, sono sicurissimo che tanti di voi desiderano tanto conoscere la mia storia: Da dove viene? Cosa ha combinato nella sua vita? ecc. Mi chiamo Jorge Esono Nguema; nato il 29 novembre 1980 nella Guinea equatoriale un piccolo Paese dell’Africa Centrale. Mi trovo in Italia dall’ottobre del 2003. Sono stato ordinato Sacerdote il 21 settembre di quest’anno, 2013. In Guinea studiavo grazie a mio padre, l’unico in famiglia che lavorasse, riuscendo, pur con sacrifici, a mantenermi agli studi, in vista del sacerdozio, a cui mi sentivo chiamato dal Signore. Prima della fine delle Scuole superiori, purtroppo, il papà venne ucciso, incidentalmente, durante una battuta di caccia (da un suo amico); da quel momento tragico non mi fu più possibile continuare gli studi. Fui costretto a trasferirmi dal mio villaggio, Nkimi, alla città di Bata (distante 60 km), presso lo zio. Là trovai un lavoretto in un supermercato. Dovevo dunque rinunciare alla mia vocazione? Ma la Provvidenza di Dio non mi abbandonò: andando a Messa in Cattedrale, come facevo quasi ogni giorno, incontrai Nicomedes, un sacerdote del mio Paese, che studiava a Roma, alla Pontificia Università Urbaniana. Piangendo, gli parlai del mio desiderio di studiare per diventare sacerdote. Mi rispose che conosceva a Bologna, una comunità di Padri agostiniani che già ospitava un altro studente africano, ad essa si dichiarò disposto a presentarmi dopo un periodo di prova, per conoscermi meglio. Trascorsi presso di lui altri due anni, dandogli aiuto per la pastorale nelle sue piccole comunità. Nel 2003 potei venire così in Italia, accolto con affetto dai Padri agostiniani di Bologna, disposti ad aiutarmi nel mio cammino di studio verso il sacerdozio. Li ricordo tutti con profonda gratitudine, in particolare il Superiore, Padre Marziano. Trascorsi in comunità con loro due anni, frequentando gli studi nella Facoltà di Teologia in San Domenico. Durante tale periodo compresi che, se la mia vocazione al sacerdozio era più che mai sicura, altrettanto non potevo dire per quella alla vita conventuale. Aprii il mio animo a Padre Marziano che si dimostrò molto comprensivo e mi consigliò di seguire la via alla quale mi sentivo chiamato; tuttavia, poiché l’ospitalità gratuita era riservata esclusivamente ai postulanti della comunità agostiniana, dovevo lasciare la loro convivenza. Mi trovavo di nuovo sulla strada, senza un centesimo in tasca e non sapendo a chi rivolgermi. Ma il Signore, che dall’alto ci ama e ci segue, mi fece incontrare don Giulio Malaguti il quale, senza chiedermi nulla, generosamente mi accolse, in attesa di una qualche soluzione. Egli mi assicurò che la Parrocchia dei SS. Vitale e Agricola sarebbe stata sempre, per me, la Parrocchia di riferimento. Mi si presentò in breve tempo una buona occasione: conobbi infatti Mons. Diego Coletti, vescovo di Livorno e, da lui consigliato, mi rivolsi al vescovo Mons. Alfredo Maria, della Diocesi di Ebebiyin, una città vicina alla mia, che si trovava a Segrate per un periodo di cura. Questi mi accettò come seminarista della sua diocesi e si offrì di presentarmi, unitamente a S.E. Mons. Diego Coletti, al Card. Carlo Caffarra, per il mio ingresso nel Seminario di Bologna, per poi, terminati gli studi, accogliermi nel suo presbiterio in Guinea. Il Cardinale Carlo Caffarra, grazie anche alle referenze di Don Giulio, di cui ero ospite in canonica, mi accettò cordialmente. Disgraziatamente però, nel 2006, venne a mancare Mons. Alfredo Maria. Dal 2006 fino al 2011, per motivi politici e diplomatici, relativi a contrasti fra la Santa Sede e il governo locale, la sede vescovile di Ebebiyin rimase vacante. In questo lungo tempo di attesa della nomina del nuovo Vescovo, maturai, assieme ai miei Superiori del Seminario, Mons. Stefano Scanabissi e Mons. Roberto Macciantelli, e al mio parroco, Mons. Giulio Malaguti, l’idea di rimanere nella Diocesi di Bologna per servire Dio qui in Italia. Agli studi teologici affiancai l’esperienza di formazione presso talune parrocchie: dal 2007 al 2009 nella Parrocchia di S. Maria Maggiore, a Castel San Pietro Terme, dal 2009 al 2010 presso la Parrocchia di San Severino, dal 2011 presso la Parrocchia dei SS. Savino e Silvestro in Corticella. Ed eccomi qui nella vostra/nostra parrocchia “Beata Vergine Immacolata”, a cominciare questo nuovo cammino, per me, con voi!! Ma guarda!! A tutti voi chiedo, di accompagnare con la preghiera il mio cammino sacerdotale. Anche io vi ricordo nella preghiera.

don Jorge Esono Nguema